L’azienda agricola, il primo anello della filiera lattiero-casearia

La richiesta avanzata dai consumatori di tutto il mondo è chiara: consumare prodotti lattiero-caseari senza correre rischi. Il latte costituisce un ambiente ideale per lo sviluppo di batteri e di altri agenti patogeni. Pertanto, garantirne la sicurezza è uno dei maggiori obiettivi dell’industria lattiero-casearia. Per tutte le parti interessate del settore, riscontrare un problema qualitativo in questa fase iniziale può avere ripercussioni lungo l’intera filiera, dal campo alla forchetta. La qualità del latte determina inoltre l’utile delle aziende agricole. Il prezzo del latte pagato al produttore dipende non solo dal contenuto di grassi e proteine, ma anche dalla qualità igienica osservata nei campioni prelevati presso l’azienda agricola, nei serbatoi di refrigerazione del latte o presso l’azienda lattiero-casearia.

Il contenuto batterico del latte è un buon indicatore del livello di pulizia dell’azienda agricola e della salute del bestiame, ad es. una grande quantità di batteri sta ad indicare un’infezione alle mammelle. Tale contenuto deve essere conforme alle soglie regolamentari e ha un impatto sul prezzo del latte raccolto.

Anche la conta delle cellule somatiche, come indicatore della qualità del latte, viene sottoposta a un attento monitoraggio, dove un alto livello di queste cellule deputate alla difesa dell’organismo indica una probabile contaminazione delle mammelle. 

Kersia offre un approccio completo ai problemi affrontati dagli allevatori, fornendo un servizio che include audit, consulenza agli allevatori, formazione per i distributori dei prodotti e implementazione dei protocolli e delle soluzioni di igiene appropriate per ciascuna situazione, con approfondimenti sui risultati ottenuti. La sua ampia gamma di servizi include la progettazione di soluzioni di disinfezione e detergenti innovative e più rispettose dell’ambiente, additivi nutrizionali che migliorano la salute e la resilienza degli animali nonché soluzioni per analizzare e migliorare la qualità dell’acqua di alimentazione degli animali, un elemento chiave per la crescita e la salute del bestiame.

Il ciclo di mungitura: una priorità

  • Incrementare le dimensioni delle mandrie aumenta l’esigenza di ricorrere a un approccio preventivo completo per garantire igiene e disinfezione, al fine di ridurre il rischio di infezioni e la contaminazione incrociata in ogni fase della mungitura:
    • prima della mungitura (pulizia disinfettante delle mani del mungitore, pulizia e disinfezione dei capezzoli per ridurre la pressione microbica sulla pelle delle mammelle),
    • durante la mungitura (disinfezione delle unità mungitrici animale dopo animale per evitare la contaminazione incrociata tramite i manicotti)
    • dopo la mungitura (disinfezione e idratazione dei capezzoli per evitare la contaminazione nell’ambiente)
    • infine, tra una mungitura e l’altra (pulizia e disinfezione della macchina mungitrice, delle pezzuole individuali e di tutte le attrezzature).

Queste buone prassi consentono inoltre di risparmiare tempo: preparare la mammella stimola la produzione di ossitocina, un ormone responsabile della secrezione del latte. Inoltre, i robot possono semplificare le operazioni e contribuire all’aumento del comfort dei mungitori, riducendo i rischi di disturbi muscoloscheletrici.

I nostri esperti Kersia vi guidano nella scelta delle soluzioni (pulizia battericida e fungicida e prodotti disinfettanti, attrezzature di applicazione ecc.) e dei metodi di applicazione (spruzzatura, ammollo, schiuma ecc.) adatti a ciascuna fase del ciclo di mungitura.

Animali sani in un ambiente sano per garantire la sicurezza del latte

Le pareti e i pavimenti sono potenziali serbatoi di agenti patogeni responsabili di mastite, diarrea neonatale ecc. La salute del bestiame, in particolare la salute degli zoccoli e delle mammelle, è strettamente associata alle condizioni igieniche degli edifici: lettiere pulite e asciutte, pulizia e disinfezione regolare per eliminare la presenza di microorganismi patogeni.

Mantenere un alto livello di sicurezza negli allevamenti richiede un protocollo di igiene efficace in grado di ridurre la pressione batterica. In seguito a una perizia presso l’azienda agricola, gli esperti Kersia raccomandano soluzioni igieniche volte a mantenere gli animali in un ambiente sano. Inoltre i nostri esperti possono offrire soluzioni preventive per la zoppia e le infezioni cutanee che consentono di potenziare la qualità e l’integrità dei tessuti, migliorando così il benessere degli animali e le loro prestazioni produttive.

Mastite: la prima patologia dell’allevamento da latte

La mastite è una reazione associata all’infezione della mammella, provocata da batteri presenti nell’ambiente dell’animale (lettiera, acqua, foraggio ecc.) o sulla pelle della mammella (Staphylococcus aureus, Streptococcus uberis, Escherichia coli ecc.). I batteri penetrano attraverso lo sfintere del capezzolo. Se non trattata, questa infezione compromette la salute e il benessere della vacca da latte, la produzione e la qualità del latte e, nel peggiore dei casi, può provocare la morte dell’animale.

Si distinguono diversi tipi di mastite: innanzitutto la mastite clinica (febbre e deteriorazione delle condizioni generali della vacca da latte, solitamente in combinazione con segni di infiammazione della ghiandola mammaria), mastite sub-clinica (assenza di segni infiammatori visibili della ghiandola mammaria, ma un’alta concentrazione di cellule somatiche nel latte) e mastite acuta (febbre e mancanza di appetito, segni di un’infezione più grave, ghiandola mammaria gonfia, dolorosa e molto dura). Buone pratiche agricole (igiene della mungitura, pulizia regolare delle lettiere, spargimento di paglia, ventilazione ecc.) sono le migliori misure preventive contro il rischio di mastite. Proteggere la mammella previene il rischio di mastite e salvaguardia la qualità del latte.

Acqua: fonte di vita

L’acqua è essenziale per la salute generale di un animale. Acqua di scarsa qualità (caratterizzata dalla presenza di batteri, virus, parassiti ecc.) può interessare la crescita, la lattazione o la riproduzione degli animali. La qualità dell’acqua di un’azienda agricola e l’integrità delle tubazioni deve essere quindi sottoposta a controlli regolari.

La competenza di Kersia in questo campo si basa su un approccio completo che include l’analisi idrica, il pretrattamento delle attrezzature e la fornitura di soluzioni di depurazione dell’acqua adatte alle aziende agricole di tutte le dimensioni e ai loro sistemi di rifornimento idrico. L’aggiunta di pastiglie effervescenti Aquasept ai serbatoi o ai sistemi di rifornimento idrico garantisce che il bestiame abbia acqua potabile sicura a basso costo.

Salute garantita grazie a una dieta sana e ad additivi nutrizionali mirati

La dieta svolge un ruolo importante nella salute umana. Lo stesso vale per il mondo animale, dove soluzioni di alimentazione ad alte prestazioni contribuiscono anche alla sicurezza sanitaria dei ruminanti. Gli additivi nutrizionali adattati alle fasi e alle esigenze di una mandria rafforzeranno la prevenzione: una gamma personalizzata consente di supportare il metabolismo della vacca in periodi chiave della propria vita (parto, periodo di asciutta, riproduzione ecc.).

Con Kersia gli allevatori dispongono di una gamma completa di soluzioni che coprono tutte le loro esigenze specifiche, in diverse forme (quali polveri, gel e boli). Le aziende agricole possono quindi scegliere il programma più adatto ai bisogni delle loro vacche: facilitare l’espressione dell’estro, migliorare la fertilità, preparare le vacche asciutte al parto e l’inizio della lattazione.

Il reparto di ricerca e sviluppo di Kersia ha sviluppato una formula brevettata unica per il design dei nostri boli. La loro effervescenza è controllata e l’apporto di nutrienti richiesto viene rilasciato tramite la disintegrazione controllata secondo l’obiettivo del bolo:

  • disintegrazione rapida per la fornitura immediata di nutrienti nell’intestino
  • disintegrazione a rilascio controllato per garantire una fornitura continua di nutrienti senza il rischio di saturare la capacità di assorbimento dell’intestino.

La combinazione di queste due forme galeniche di bolo permette di controllare la dose di nutrienti da rilasciare nell’animale target.

Salvaguardare la salute dei vitelli

Anche la salute dei vitelli è essenziale per garantire loro un buon inizio come future giovenche. Il monitoraggio accurato dei vitelli alla nascita e nelle settimane seguenti può richiedere il ricorso a soluzioni ad azione protettiva avanzata, quali quelle fornite dalla gamma Starter di Kersia. Sotto forma di gel o in polvere, la gamma permette di ottimizzare le prime fasi di vita dei vitelli:

  • soluzioni preventive per fornire energia e ferro e rafforzare il sistema immunitario garantendo un inizio di vita sicuro
  • soluzioni mirate per reidratare i vitelli e proteggere l’intestino durante disturbi digestivi (diarrea neonatale ecc.).

Silos di mangime, un’area a rischio

Il silo di mangime costituisce un’area a rischio in cui si sviluppano muffe e batteri (salmonella, aspergillus, micotossine). È quindi fondamentale che il silo sia pulito a fondo una volta all’anno. Si raccomanda quindi di eseguire la disinfezione del silo mediante Ultradiffusion® uno o due giorni prima di riempirlo di mangime.